Celebrazione della Confermazione

21.04.2018

“Ricevi il sigillo dello Spirito Santo che ti è dato in dono. La pace sia con te”.
Ricevere lo Spirito Santo significa siglare un’alleanza d’Amore e di Pace con il Signore. Un sigillo ha lo scopo di autenticare e proteggere, garantire e confermare: così il sigillo dello Spirito conferma chi lo riceve in una relazione profonda con Dio. Esso è un dono consegnato all’uomo, che a sua volta porta con se dei doni: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio.
Il soffio leggero ma potente dello Spirito Santo è disceso sui ragazzi di 5° elementare nel pomeriggio di sabato 21 Aprile.

Due sono state le liturgie svoltesi in tutta l’unità pastorale: la prima presso la chiesa di San Giacomo, alla presenza dei ragazzi dell’omonima frazione e di quelli di Tresenda e Castello dell’Acqua, la seconda nella collegiata di Sant’Eufemia, con i gruppi di Teglio e di San Giovanni. Due momenti di preghiera, entrambi presieduti da Monsignor Angelo Riva, delegato del vescovo per amministrare la Cresima.
Ad inizio celebrazione, un ragazzo con i suoi genitori ha acceso da le 7 candele predisposte, simbolo dei 7 doni dello Spirito. Durante i riti di introduzione, la comunità, nella figura del genitore di uno dei cresimandi, ha accolto il celebrante, presentandogli il cammino già percorso e quello ancora da fare.
Subito dopo è stato il Signore a parlare ai presenti tramite la sua Parola, proclamata da due lettori. Il Vangelo, letto da don Flavio, è stato commentato da don Angelo, che ha voluto ricordare ai cresimandi: «Lo Spirito è la cinghia di trasmissione tra noi e Gesù: se si rompe rimaniamo a piedi».
Al termine del Vangelo, prima della riflessione, don Flavio ha chiamato per nome coloro che domandavano di ricevere il Sacramento della Cresima e ciascuno ha potuto confermare il suo “eccomi” e la sua disponibilità ad accogliere un così grande dono.
Conclusa la meditazione del delegato del Vescovo, i ragazzi hanno rinnovato personalmente le loro promesse Battesimali, che il giorno del loro battesimo erano state professate per loro dai genitori e dai padrini. Così, i sacerdoti presenti hanno imposto le mani sui giovani, pregando Dio Padre Onnipotente affinché lo Spirito discendesse e dimorasse in loro. Subito dopo è stato portato il sacro olio del Crisma, l’unico olio profumato tra quello del Battesimo e quello dell’Unzione, in quanto il più importante. A questo punto, ogni cresimando si è avvicinato a Mons. Angelo insieme al suo padrino o alla sua madrina e ha ricevuto il sigillo dello Spirito Santo.
L’olio ricevuto è penetrato nel corpo e nello spirito dei cresimati, rendendoli autentici testimoni di Cristo. Ora loro profumano di Dio e chi li incontra può riconoscere in essi la presenza del Signore. Segnati con il segno della croce, sono divenuti veri discepoli di Gesù, testimoni e annunciatori della bellezza di una vita donata per amore.
Per questo la comunità ha voluto pregare con loro e per loro, innalzando all’Altissimo la preghiera dei fedeli e, poco dopo, il Padre Nostro.
Al termine ogni cresimato si è raccolto nell’intimità della sua casa, per vivere in raccoglimento e gioia questa fondamentale tappa del suo cammino di Fede, che gli ha donato il coraggio di portare al mondo la Buona Novella.

Parrocchia S. Eufemia

Collegamenti utili

Social

Via Roma, 3

23036 Teglio (Sondrio)

Tel. e Fax: 0342 780101

Email: parrocchiaseufemia@gmail.com

WEB: www.parrocchiateglio.com

  • facebook-square
  • Twitter Square
Telegram.png
  • YouTube - Black Circle
  • TripAdvisor - Black Circle