La chiesa sorge sulla piattaforma rocciosa sopraelevata in cima alla pineta, a margine dell’area un tempo occupata dalla piazza d’armi (tuttora individuabile), a nord-est della torre e a picco sul breve terrazzo che domina le Piatte.

Modesta ne è l’architettura ad aula mono absidata con rigoroso orientamento verso l’est equinoziale, campaniletto a vela e nuda facciata in sasso con l’ampio arco di scarico ben visibile e ornata unicamente dai conci granitici del grande portale a ogiva. Ci si accorge subito, osservando la forma delle pietre e il loro colore, che la chiesa è stata in buona parte ricostruita – probabilmente verso la fine dell’Ottocento, come si deduce dagli atti delle visite pastorali - utilizzando in parte materiale proveniente dal distrutto castello e in parte pietre rossicce di una cava poco distante. Altrettanto spoglio ed essenziale appare l’interno con il semplice altare che spicca nel candore dell’abside pentagonale con la moderna statua del Santo.

Interessante è la dedicazione al protomartire Stefano, il cui culto risulta legato alla presenza delle guarnigioni bizantine che stanziarono nel VI secolo nei castelli dell’Italia settentrionale, ai tempi della guerra gotica, e quindi anche in questo di Teglio. Per tale ragione, la sua fondazione è tra le più antiche della Valle, in dipendenza del vicino castello, quale sua cappella entro la triplice cinta muraria del colle, e non certo quale chiesa battesimale, dignità che spettò alla chiesa di Santa Eufemia, edificata fuori dall’area fortificata.

Gianluigi Garbellini

Istituto Studi Storici Valtellinesi

Parrocchia S. Eufemia

Collegamenti utili

Via Roma, 3

23036 Teglio (Sondrio)

Tel. e Fax: 0342 780101

Email: parrocchiaseufemia@gmail.com

WEB: www.parrocchiateglio.com

Social

  • facebook-square
  • Twitter Square
  • YouTube - Black Circle
  • TripAdvisor - Black Circle